News 2. Gennaio

In questi mesi l’Italia sta negoziando con la Commisione Europea nella definizione dell'”Accordo di Partenariato” (“Partenship Agreement”), che sancirà il programma di spesa dei fondi strutturali nel periodo 2021-2027. Questo Accordo definisce le spese del paese per i cinque obiettivi strategici considerati prioritari da Bruxelles per aumentare la convergenza economica e sociale tra le Regioni europee:

1) un’Europa più intelligente, mediante l’innovazione, la digitalizzazione, la trasformazione economica e il sostegno alle piccole imprese;

2) un’Europa più verde e priva di emissioni di carbonio, grazie all’attuazione dell’accordo di Parigi e agli investimenti nella transizione energetica, nelle energie rinnovabili e nella lotta contro i cambiamenti climatici;

3) un’Europa più connessa, dotata di reti di trasporto e digitali strategiche;

4) un’Europa più sociale, che raggiunga risultati concreti riguardo al pilastro europeo dei diritti sociali e sostenga l’occupazione di qualità, l’istruzione, le competenze professionali, l’inclusione sociale e un equo accesso alla sanità;

5) un’Europa più vicina ai cittadini, che sostenga strategie di sviluppo gestite a livello locale e uno sviluppo urbano sostenibile in tutta l’UE.

Il Dipartimento per le Politiche di Coesione del Governo Italiano ha proposto quattro “temi unificanti”: lavoro di qualità, territorio e risorse naturali per le generazioni future, omogeneità e qualità dei servizi per i cittadini, cultura veicolo di coesione economica e sociale.

E’ in programma a Roma il 27 marzo l’incontro con la Commissione Europea per l’accordo finale sul testo, di cui è già stato presentato il documento preparatorio:

https://opencoesione.gov.it/media/uploads/temiunificanti_2021_2027.pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
Torna su